ptmy N°01 - maggio

PTMY

Invenzione e realtà: il lavoro è festa se contiene questi ingredienti miscelati seguendo una personalissima ricetta.
In particolare se non codificata, ma creata di volta in volta.

Nella nostra “letter” di maggio vogliamo allora promuovere il lavoro così come lo visualizziamo al meglio, in un mix di realtà (shooting) e fantasia (drawing),
una promozione che non offre sconti quantità ma esperienze di valore.
E il gioco vale sempre di più della candela.
Gelato per tutti allora, metafora del lavoro creativo che accomuna voi e noi.
Un mix di ingredienti, un prodotto artigianale confezionato unendo molte parti.
Un mix di gusti che danno valore a cose fatte per altri; altri che devono gustare e agire di conseguenza.

MIX THE SKILLS_

sense

La necessità di integrare competenze è emersa forte nell’ultimo incontro del Forum del Futuro Quotidiano incentrato sulla necessità di cambiare i punti di osservazione e gli strumenti con cui rilevare i dati per mettere effettivamente al centro l’individuo. Ingegneri-umanisti, sociologi-digitali, ambientalisti-tecnologi per nuotare nei nuovi data lake, o navigare sempre più spesso a vista, i ricercatori (Harvard) sostengono che i generalisti hanno maggiori chances. Chances to change.

Aggiungere skill alle competenze curriculari degli individui in un team permette di creare nuovi sistemi di sensibilità e quindi attivare automaticamente nuovi strumenti di problem solving (visto dall’ingegnere) o creatività (vista dall’umanista) che dir si voglia. Il risultato è identico: creare nuove relazioni per elementi o individui ordinari.
Nuova sensibilità che quindi diventa senso (anche alla Jane Austen) perché fatta di nuove experience, nuovi linguaggi, nuovi segni, nuovi modelli.

Il modello del Forum del Futuro Quotidiano nasce dall’osservazione da nuovi punti di aspettative e comportamenti, attraverso nuovi strumenti e nuove modalità che diventano competenze, con il contributo di oltre 50 speaker nelle due edizioni 2020 e 2021. Mancano due puntate al termine della seconda stagione. Vale la pena seguirci.

Forum del Futuro Quotidiano

Cerca un nuovo senso in chat. Adesso.

Where_What_Who: WOW!

experience experience

Parliamo di virtual advisor, dai. Configuratori, come li chiamano i tecnici, è meno...meno.

In funzione della complessità delle soluzioni, non sempre danno consigli, ma ogni volta permettono di giungere a individuare rapidamente quella ottimale e spesso a visualizzarla.

Avete mai pensato di buttare il vostro barbecue e farvi una cucina da esterno? Se volete capire come, non dovete far altro che andare al configuratore.
E lì potete sbizzarrirvi come fanno i professionisti dell’arredo da esterno, scegliete i componenti cominciando ad esempio da un affumicatore (smoker), affiancando un piano cottura, lavello, frigo, anche barbecue.
Potete girare e rivoltare il disegno 3D, verificare le misure, spostare i componenti. (Avete mica messo il barbecue direttamente di fianco al frigo?!?)
E alla fine vi potete stampare la soluzione, chiedere un preventivo, e lanciarvi in una nuova esperienza.

L’obiettivo, dice Marino che è a capo del team che sviluppa questi progetti per il web, è creare empatia, se possibile meraviglia, ma sicuramente un’accattivante experience, anche quando il prodotto è un sistema idraulico, o un quadro elettrico.

Parla con Marino. Adesso.







Clicca sui personaggi per vedere i video

PARTENZA DA OGNI POINT

vr vr

Che c’è di più realvirtuale di Babbo Natale? Non esiste, ma è uno dei personaggi su cui scrittori, film makers, produttori, illustratori, si sono sbizzarriti; e quanti di noi hanno creduto che fosse reale per poi accettarlo come virtuale!
Aspettiamo Babbo Natale che non arriverà, dice Max, ma riceviamo comunque i regali (da Amazon?).

L'importante, come sempre, è il percepito che spesso fa diventare il virtuale più reale del reale.
Ad esempio i nostri virtual tour fotografici sono talmente reali, che permettono di scoprire particolari che spesso non abbiamo mai visto.
Lo shooting avviene con una speciale camera ad altissima risoluzione che “scatta” immagini a 360°: uno speciale software assembla le fotografie fino a ricostruire tutto l’ambiente e permette di camminarci all’interno, come in Street view.
Alza lo sguardo, abbassa, gira la testa, fissa gli occhi su un punto di interesse segnalato e si apre un nuovo mondo. Alt! Siamo già passati al visore 3D, ma basta anche un Cardboard con uno smartphone.
La visualizzazione su desk, tablet, smartphone permette esperienze veramente diversificate: visitare una show room, presentare una location, creare un corso sulla sicurezza: il limite è la fantasia.

Guarda qui:





L'importante è non trascurare i dettagli poiché lo zoom non perdona. Si vede tutto, e spesso anche si legge.
Se non avete una location da fotografare non importa, ve ne possiamo creare una virtuale. Come piace a voi.
Chiama ora!